CARRELLO:
0 items

Opera in 5 atti di Charles Gounod

Libretto di Jules Barbier -Michel Carrè
Direttore d'orchestra Carlo Montanar
Regia Francesco Michel
Costumi Silvia Aymonino
Coreografia Nikos  Lagousakos
Scenografo Edoardo Sanchi

Romeo e Giulietta tornano con la loro tragica storia nella città in cui è nato il mito dell’amore eterno. Per loro la bella Verona si fa rappresentare tutta in un teatro shakespeariano ispirato al Globe dentro l’anfiteatro Arena, dove pubblico, attori e centinaia di comparse si intrecciano, si scontrano e si mescolano per raccontare la vicenda dei giovani amanti.


La musica è quella del francese Charles Gounod, ma l’allestimento è assolutamente hi-tech con imponenti strutture di metallo, luci e fari come in un concerto rock, costumi in stile pre-punk con accenni rinascimentali, per mettere in scena la conflittualità tra le famiglie dei Montecchi e dei Capuleti, caratterizzate dai colori veronesi giallo e blu. Sul palcoscenico domina una luce rossa che ricorda l’elemento primordiale e il motore dell’opera, il sangue. 

Ma alla fine Romeo e Giulietta sapranno superare le catene del potere, dell’odio e della morte, involandosi tra gli spettatori verso la luce di un’unione immortale.