CARRELLO:
0 items

Boogiedown, il nuovo open air festival al Parco della Musica di Padova.
Dal 21 al 24 giugno, attesi Yarah Bravo, Dj Vadim, Populous e un super guest per la serata finale.

Padova, 3 maggio 2018 - È il nuovo appuntamento dell’estate. È il BoogieDown Festival, in programma al Parco della Musica di Padova, dal 21 al 24 giugno, promosso da Veneto Jazz e Nu Fest, sezione elettronica di uno dei festival più importanti del panorama italiano.

Quattro giorni di musica, dalle 17.00 alle 2.00, che esplorano il meglio della scena soulfunk, hiphop, dub, raggae, bass music, nujazz, electro ed elettronica, con live in stile afrobeat, electrocumbia e tropical beats.

Fra gli headliner d’eccezione, Yarah Bravo, una delle più talentuose MC a livello internazionale che ha fatto della fusione tra rap, soul e jazz il suo cavallo di battaglia (21 giugno); il russo Dj Vadim, pilastro della scena underground mondiale, per l’occasione con Mc Jman (22 giugno); Populous, noto producer leccese inventore dell’indietronica, con il nuovo live audio e video (23 giugno). In chiusura uno special guest, rappresentante della più raffinata Detroit Techno (24 giugno), che sarà annunciato a breve.

Ma è incontenibile il programma dei live ospitati in questa location di grandi dimensioni che abbina la musica dal vivo ad un’offerta di food & beverage. Sui diversi palchi allestiti al Parco della Musica ci saranno anche Experimental Scratch Jazz experience, il quartetto di nu jazz di Andrea Cabras di Irma Records (21 giugno); Numa Crew, collettivo di dj producer e Mc pionieri del Dubstep in Italia (22 giugno); il duo Sun Yufka in un live stile tropical beats, e l’imperdibile Sequoyah Tiger, rappresentante del dream pop, fra forma canzone e danza (23 giugno), oltre a numerosi dj della scena locale, come i collettivi Dissidanza, Electronic Fog, Quarto Mondo, e i visual artists Kobachi, Al Grain, Nichi List. Un’esperienza unica e coinvolgente per notti a tutto volume, destinate a diventare l’appuntamento imperdibile della movida estiva.

PROGRAMMA
Giovedì 21 giugno, dalle ore 17.00
HipHop, Groovy, NuJazz, Soul, RnB

YARAH BRAVO & LOVE IS THE MOVEMENT BAND (Duzz Down San, Ninja Tune, SWE/USA/UK)
+ ANDREA CABRAS "EXPERIMENTAL SCRATCH JAZZ EXPERIENCE" (Irma Rec, ITA)
+ second stage OCEANICMOOD dj set

YAHRA BRAVO
Cresciuta in Svezia, figlia di un cileno e una brasiliana attivisti pacifisti, quando fu grande abbastanza inizia il suo viaggio per il mondo che la porta prima a New York, poi a Londra e ora a Berlino. Rap e poesia diventano il suo modo di esprimersi. Il suo EP “Love is The Movement”, registrato negli studi Duzz Down San di Vienna, mostra una fusione di stili differenti, dal soul all’elettronica, incastonati perfettamente nella sua voce unica. Un’artista a tutto tondo, che disegna i suoi vestiti, fonda una sua etichetta, produce i suoi video, crea un brand di street wear di successo, con sede a Londra.
È stata la fondatrice del super gruppo londinese One Self (Ninja Tune Records) e la front woman del collettivo Dj Vadim's - The Soundcatcher Soundsystem (BBE), ha condiviso il palco con artisti del calibro di Wu Tang Clan, Pubblic Ebemy, Fat Freddys Drop e Asian dub Foundation e, soprattutto, una delle regine del Soul  e R'n'B Erykah Badu. Dopo le recenti collaborazioni con Nightmares on Wax (warp), Organized Threat (L.A), A state Of Mind (Wax Tailor), Xewin (switzerland) Polish Ambassador (Usa), e un periodo trascorso alla Red Bull Music Accademy in Spagna, è tornata a esibirsi dal vivo con nuovo materiale, oltre ai suoi vecchi brani. In attesa del suo prossimo lavoro discografico, ecco il nuovo tour italiano, una miscela di spiritual jazz, soul e political hip-hop.

ANDREA CABRAS 4tet "EXPERIMENTAL SCRATCH JAZZ EXPERIENCE"
Andrea Cabras, orginario di Sassari, è li che nasce il suo percorso musicale come dj e scratcher nel 1996. Con la sua prima consolle inizia a comprare dischi per lo scratch oltre ad imparare le tecniche di mixaggio. Lavora con molti artisti della scena musicale hip hop della Sardegna, e non solo, poichè già a 16 anni inizia a lavorare e suonare con musicisti, integrando il giradischi come strumento musicale all'interno di progetti musicali prima hip hop e poi rock, funk e jazz. Dopo Sassari, si trasferisce per gli studi universitari prima a Pisa e poi a Bologna, aprendo anche il concerto di Afrika Bambaataa, a Bologna, oltre che di vari musicisti provenienti da varie parti di Italia e non solo. La consapevolezza e l'esperienza lo portano ad iniziare un percorso di produzione musicale sia con strumenti che con il giradischi, fondendo lo scratch all'interno di proprie scritture e produzioni musicali, creando un suono quindi nuovo. Experimental Scratch Jazz experience è il suo primo album ufficiale, pubblicato e stampato in vinile e cd con IRMA RECORDS, nel quale Cabras scrive la musica e suona più strumenti e dove inserisce molti featuring di musicisti che contribuiscono quindi ad arricchirne il contenuto. L'album viene considerato tra i Best Jazz Album 2016 dalla rivista musicale londinese VIBE UK. Il disco varia da tracce jazz ad altre break beat, lounge-chillout, downtempo, acid jazz e funk ed elettronico con suoni a volte lenti ed altri più ritmati.

Venerdì 22 giugno, dalle ore 18.00

Dubwise, UkGarage, Hip Hop, Jungle
Dj VADIM & mc J.MAN (NinjaTune, theSoundcatchers / UK, RUS, SPA)
+ NUMA CREW showcase (Shogun Audio, ITA)
+ second stage QUARTO MONDO dj's

Dj VADIM
Originario di San Pietroburgo, debutta in Italia alla fine degli anni ’90, con un’adrenalinica miscela di ritmi “headz”, beat di chiara matrice hip-hop e futuribili trame elettroniche. Ai tempi il ragazzo aveva poco più di venti anni e stava già girando il mondo sull’onda dello straordinario successo ottenuto dal suo album d’esordio marchiato Ninja Tune, U.S.S.R. Life from the Other Side. Sono passate due decadi, molti contratti discografici, 13 album e una incalcolabile quantità di date nel mondo. Ha già sfornato hit come The Terrorist, Black is the night, This Dj e Bluebird, remixato Erykah Badu, Alice Russell, CL Smooth e collaborato con artisti come Prince, Stevie Wonder, The Roots, Public Enemy, Kraftwerk ma continua a scoprire e promuovere giovani talenti scovati ad ogni latitudine. L’innovazione della formula è ancora il suo credo e la ragione prima nel produrre e suonare musica, alla continua ricerca di nuove sonorità e senza fossilizzarsi su stereotipi, come dimostra la recente uscita dei due volumi di The Dubcatcher, una organica collezione di tracce che declinano in chiave elettronica la fertile eredità del reggae.
NUMA CREW
Numa Crew è un collettivo di dj producers e Mc pionieri del Dubstep in Italia sin dalla loro nascita, nel 2005, confermando di anno in anno il loro ruolo nella scena della musica indipendente italiana. La loro ricerca musicale si focalizza sulle note basse mescolando nelle loro produzioni la cultura dei sound system dell'hip hop e della musica underground inglese. Negli anni di attività Numa Crew ha prodotto svariati vinili su 12 pollici (Elastica Records) in principio collaborando con mostri sacri come Zion Train e Dub Sync. Dopo la creazione della loro etichetta discografica, Erba Records, Numa Crew ha continuato il suo viaggio musicale fatto di dubstep, drum and bass e jungle anche grazie alla creazione di altre due etichette, Voodoo Rebel e Digital Smokers. Oltre alle autoproduzioni, Numa Crew ha collaborato anche con rinomate etichette italiane e internazionali come EMI Italy, Moonshine Records, Irish Moss Records, Police in Helicopter, NoMad Records and Convoy Unltd, oltre vari artisti come Subsonica, Daddy Freddy, Horace Andy, KG Man, LNRipley, Digi G'Alessio, Almamegretta, Dub FX, Casino Royale, Antiplastic, Illbilly Hitech, Ckrono & Slesh.  Le produzioni di Numa Crew sono state trasmesse dal network radiofonici come la BBC, Radio 1, e Rinse FM. Oltre a questo il collettivo fiorentino ha partecipato a diversi broadcasting live sull'emittente SubFM per tre anni in collaborazione con Dj Foster con l'amico e dubplate killa DJ Foster. Hanno suonato in Europa (Italia, Germania, Francia, Romania, Inghilterra, Austria, Bulgaria, Olanda, Norvegia, Grecia, Spagna e Outlook Festival) e Sud America (Messico, Colombia, Argentina e Bolivia). 


Sabato 23 giugno, dalle ore 17..00
Electronica Live Set, Tropical Beats, Cumbia, Afrobeat, Bass Music

POPULOUS live audio video (Morr Music, Piccica Dischi, Bad Panda Rec. ITA)
+ SUN YUFKA live (Beatmachine Rec, ITA)
+ SEQUOYAH TIGER  live (Morr Music, ITA/IRN)
+ second stage QUARTO MONDO dj's

SUN YUFKA
Il duo milanese/barese composto da Zod e Kuthi nasce nei primi mesi del 2017 e, in meno di un anno, giunge all’esordio ufficiale sulla conterranea etichetta Beat Machine Records. L’ep Kambo è un promettente e personale mix di ritmi world e fascinazioni elettroniche che collegano la Chicago di RP Boo all’Inghilterra di Goldie prima e Om Unit poi, la musica tipica ottomana e del Medio Oriente e il sound tropical bass.
POPULOUS
L’artista salentino, al secolo Andrea Mangia, è partito nel lontano 2003 e in pochi anni ha pubblicato tre album, Quipo, Queue for Love e Drawn In Basic, che hanno contribuito, insieme alla stessa etichetta tedesca Morr Music, a definire il genere indietronica. È di riflesso, quindi, dalla scena internazionale, che il suo nome ha iniziato pian piano a circolare anche in Italia, finchè con il successivo Remixed In Basic, che per eclettismo e qualità della proposta era molto più che un album di remix, l’artista si è spostato in territori sempre più elettronici e ballabili. Poi, la svolta, ovvero lo svincolamento dalla forma canzone e l’incremento della percussività dei brani. Ritmo e armonia iniziano a prevalere sulle melodie e quando esce Night Safari, un album dal titolo programmatico che lascia emergere dalle notti africane delle gemme da dancefloor fuori da schemi di genere, il nome di Populous è ormai sulla bocca di tutti: i suoi concerti e dj set sono sempre più richiesti e Max Casacci e Ninja dei Subsonica lo invitano a collaborare al loro album. A distanza di quattro anni dal precedente, nel 2017 esce il nuovo meraviglioso lavoro dal titolo Azulejos (Wonderwheel Recordings, La Tempesta): un omaggio a Lisbona che deve molto alle musiche caraibiche e angolane, ma non solo.
SEQUOYAH TIGER
Leila Gharib, veronese di nascita ma iraniana di origine, è la persona che si cela dietro a questo progetto. In precedenza ha suonato nella formazione post punk Bikini The Cat e ha fondato la compagnia di arti performative Barokthegreat, che ha influito molto sull’esecuzione dal vivo dei brani di Parabolabandit e dell’EP che lo ha anticipato di qualche mese, Ta-Ta-Ta-Time. Leila, sul palco, è infatti sempre accompagnata dalla ballerina di Barokthegreat Sonia Brunelli. La multimedialità di Sequoyah Tiger non si ferma però solo alla fusione di musica e danza: anche la parte visiva, tutto ciò che è video, artwork e elementi presenti on-stage, sono frutto della creatività di questa musicista così atipica quanto preziosa.
La musica di Sequoyah Tiger trascende le categorie. Parabolabandit, l’ultima pubblicazione, non suona come un album italiano, i testi sono tutti in inglese ed è stato pubblicato da un’etichetta tedesca, la Morr Music. I riferimenti sonori sono tanti, si potrebbe parlare di dream pop dove synth e drum machine hanno preso il sopravvento su chitarre e batterie, di elettronica pensata per chi vuole ancora andare ai concerti e cantare i brani a squarciagola. Ci sono riflessi di Grimes, Beach House, Panda Bear, ma solo gli elementi propedeutici all’idea originale di Sequoyah Tiger, tra tute fluo e cappellini.

Domenica 24 giugno, dalle ore 17..00
Electronica, Techno, Electro great final bash

SPECIAL GUEST from DETROIT

+ DJ P.FLEX | NIK GONNELLA (Dissidanza, Firenze ITA)
+ IDGA | ISKØ (Electronic Fog, Padova ITA)
+ MARCELLO BIGGIE (BoogieDown, NU - Venezia ITA)
second stage BACK TO BACK and DJ ROTATION
VISUALS and MAPPING by NICHI LIST | AL GRAIN (Electronic Fog, Padova) | KOBACHI (Torino)

Prenotazioni disabili jazz@venetojazz.com