CARRELLO:
0 items

GALA MOZART
KAMMERORCHESTER-BASEL
UMBERTO BENEDETTI MICHELANGELI direttore
REGULA MÜHLEMANN soprano
 
 
W.A. Mozart, “Exsultate Jubilate” Motetto per Soprano, Orchestra e Organo KV 165 (18a) (1773)
W.A. Mozart, Sinfonia Nr. 36 in Do Magg. KV 425 “Linzer” (1783)
Adagio, Allegro spiritoso – Andante con moto – Menuetto – Presto
———–
W.A. Mozart, “Ah, lo previdi!…Ah, t`invola…… Deh, non Vacar” Recitativo, Aria e Cavatina per Soprano e Orchestra KV 272 (1777)
W.A. Mozart, Sinfonia Nr. 34 in Do Magg. KV 338
Allegro vivace – Andante di molto (più tosto Allegretto) – Finale: Allegro vivace
W.A. Mozart, “Ah se in ciel, benigne stelle” Aria da concerto per Soprano e Orchestra KV 538
 
 
Umberto Benedetti Michelangeli
Musicista fortemente selettivo, predilige la collaborazione con Orchestre che gli consentono di perseguire i propri ideali musicali e umani. Iniziati gli studi giovanissimo sotto la guida della zia Nuccia Matucci e proseguitili presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano con i Maestri Conter, Bettinelli e Gusella, ha completato la propria formazione con Franco Ferrara.
Ha collaborato con Orchestre quali l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, la Radio-Sinfonieorchester  Stuttgart, la MDR Sinfonieorchester Leipzig, l’Orchestra dell’Operaballet Vlaanderen, la Helsinki Philharmonic, i Goteborg Symfoniker, la Budapest Festival Orchestra, la China National Orchestra, la Israel Chamber Orchestra. Da molti anni inoltre mantiene un rapporto privilegiato con la Kammerorchester Basel.
Fondamentale il sodalizio con l’Orchestra da Camera di Mantova (di cui è stato direttore principale dal 1984 al 2007), con la quale è stato insignito del premio “Franco Abbiati” della critica musicale italiana.
 
 
Regula Mühlemann, Soprano
Regula Mühlemann è nata a Lucerna (Svizzera) e ha completato i suoi studi al Conservatorio della città natale, diplomandosi con distinzione nel 2010.
Della stagione 2016/17 si segnalano i concerti con la Verbier Festival Chamber Orchestra, in Usa con la  Chicago Symphony Orchestra, sotto la direzione Manfred Honeck, a Santa Cecilia a Roma per Das Paradis und die Peri di Schumann diretta da Daniele Gatti e nel ruolo di Servilia ne La clemenza di Tito in concerto a fianco di Rolando Villazòn a Baden-Baden.
Lo scorso anno Regula Mühlemann si è esibita in concerto a Zermatt, al Fränkische Musiktage, alla Tonhalle di Zurigo, al Grand Théâtre di Ginevra e nella parte di Alisa nella versione concertistica de Il Re pastore di Mozart con Rolando Villazòn a Vienna, Parigi, Lucerna e Barcellona.
Nelle precedenti stagioni il soprano ha cantato al Teatro dell’Opera di Zurigo, Al Teatro La Fenice di Venezia, alla Festspielhaus di Baden-Baden (con registrazione in Dvd per Deutsche Grammophon), alla Staatsoper di Berlino, ai Festival di Verbier e  Aix-En-Provence. Ha fatto il suo debutto al Festival di Salisburgo nel 2012.
Regula Mühlemann ha cantato in concerto in Germania, Svizzera e Italia. Come ospite regolare del Festival di Lucerna si è esibita tra l’altro nella Petite Messe Solenelle di Rossini con la  Bayerische Rundfunk. Collabora con direttori di grande prestigio quali Nello Santi, Simon Rattle, Daniel Harding, Enoch zu Guttenberg, Pablo Heras-Casado, Ivor Bolton, e Howard Arman.
Il suo debuto cinematografico l’ha vista impegnata nel ruolo di Ännchen nel film Il franco cacciatore con la regia di Jens Neubert con la London Symphony Orchestra diretta da Daniel Harding.
Regula Mühlemann registra in esclusiva per Sony Classical. Il suo album di debutto contiene arie mozartiane ed è stato pubblicato nell’ottobre 2016.
 
 
Kammerorchester Basel
Kammerorchester Basel è una delle orchestre da camera di riferimento nel panorama della musica classica. Invitata in sedi e festival prestigiosi di tutto il mondo, la formazione ha all’attivo anche una propria stagione concertistica a Basilea. Diverse registrazioni per etichette classiche quali Sony, Deutsche Harmonia Mundi e Warner classics, alcune delle quali sono state premiate con prestigiosi riconoscimenti, testimoniano l’eccellente qualità profusa dall’Orchestra nel fare musica insieme.
Grazie a una innovativa indipendenza artistica, Kammerorchester Basel è sempre alla ricerca di strade interpretative nuove e di vasta portata, attraverso un costante sviluppo del suo suono sia con strumenti antichi che moderni. Questa diversità è diventata il suo marchio internazionale.
L’Orchestra collabora con artisti quali Maria João Pires, Sol Gabetta, Emmanuel Pahud, Andreas Scholl, Kristian Bezuidenhout, Isabelle Faust e Fazil Say. Renaud Capuçon è un partner artistico che realizza programmi sia in qualità di camerista che con l’orchestra come solista e leader.
La nomina a Direttore ospite principale di Giovanni Antonini ha dato vita a una fruttuosa collaborazione: il ciclo Beethoven, ad esempio, nel quale l’Orchestra e il direttore italiano – famoso nell’ambito della musica antica – hanno lavorato insieme. «È una parte del futuro» ha scritto la Neue Zurcher Zeitung a proposito dell’interpretazione storicamente informata. La registrazione ha vinto il premio Ensemble dell’Anno di ECHO Klassiek nel 2008.
La Kammerorchester Basel in alternanza con Il Giardino Armonico eseguirà e registrerà in Cd, diretti da Giovanni Antonini, tutte le 107 sinfonie di Haydn entro il 2032.
Un altro ciclo completo è programmato (e registrato) entro i prossimi tre anni: le Sinfonie di Schubert dirette da Heinz Holliger. Oltre ai classici viennesi e ai programmi barocchi l’Orchestra promuove musica contemporanea. Le composizioni commissionate annualmente e il coinvolgimento nel Concorso di composizione di Basilea ne sono una testimonianza.
Clariant International Ltd. è il principale sponsor della Kammerorchester Basel dal gennaio 2013.