CARRELLO:
0 items

ORA
(Domenica) 17:00

 LA STORIA DEL PICCOLO SARTO
di Tibor Harsányi
favola musicale tratta da L’ammazzasette dei Fratelli Grimm

 
ENTR’ACTE
Andrea Pecolo violino
Jakob Ludwig violoncello
Paola Fre flauto
Denis Zanchetta clarinetto
Valentino Zucchiatti fagotto
Mauro Edantippe tromba
Andrea Dulbecco percussioni
Andrea Carcano pianoforte
 
Elisabetta Garilli voce recitante
 
 
La storia
Una bella mattina d’estate, un piccolo sarto sta lavorando di buona lena, ma la golosità gli gioca un brutto scherzo.? Da una venditrice ambulante compra della marmellata e la spalma sul pane, attirando però uno sciame di mosche che cominciano a girargli attorno, infastidendolo oltre misura. Tutto rabbioso, afferra una cintura e colpisce. Con un colpo solo ne ammazza sette, ben sette mosche, che giacciono, stecchite!
È talmente orgoglioso di sé che decide di partire in giro per il mondo, perché tutti sappiano della sua bravura. Sulla sua cintura ricama queste parole: “Sette in un colpo!”, chiude bottega e si mette in strada.?Dopo aver camminato a lungo, un poco stanco, si sdraia su un bel prato e si addormenta. E mentre dorme i passanti lo osservano, tutti stupiti di quella misteriosa scritta, “Sette in un colpo!” Convinti dell’importanza del personaggio, lo conducono dal loro re.?Il quale re, credendo di trovarsi di fronte l’uomo più forte del mondo, decide seduta stante di affidargli un compito gravissimo: il piccolo sarto dovrà liberare il suo regno da tre grandi pericoli: un cinghiale, due giganti e un unicorno; se eliminerà questi terribili nemici il sarto riceverà la metà del regno, la corona di alloro e la mano della principessa. Il nostro eroe non vuole – e non può – rifiutare l’incarico.?Con grande astuzia riuscirà a catturare il cinghiale, ad annientare i giganti e a uscire vincitore dall’incontro con l’unicorno.?Festeggiato dal popolo, verrà ricompensato secondo le promesse ricevute.