CARRELLO:
0 items

Paolo Jannacci, il suo pianoforte e il suo inconfondibile e graffiante timbro vocale volano, in duo, con il trombettista Daniele Moretto. Prendono così vita, in un concerto d’intenso lirismo, brani come Who Can I Turn To di Leslie Bricusse, Insensatez di Jobim e O que serà di Chico Buarque, ma anche brani originali di Paolo Jannacci come Allegra e Chiara’s Tune. Non manca il momento in cui Paolo omaggia il padre Enzo, interpretando canzoni che sono ormai pietre miliari della storia della musica italiana come Vincenzina e Vengo anch’io. No tu no. Così la musica d’autore si fonde con il racconto, l’effervescenza di un virtuoso del pianoforte con la simpatia di un affabulatore.